Ricerca per:

La disfunzione erettile rappresenta un disturbo sessuale dell’uomo che fatica sia ad avere un’erezione del pene sia a mantenerla. Non si tratta di una malattia, ma di un sintomo che può rivelare la presenza di altre patologie (alterazioni cardiovascolari, problemi endocrino-metabolici, diabete, malattie neurologiche). Se la disfunzione erettile ha origine organica l’uomo presenta inoltre una riduzione delle erezioni spontanee mattutine, il cui scopo è la riossigenazione del pene. Può esservi inoltre la concomitanza con altre disfunzioni della sfera sessuale come l’eiaculazione che, quando l’erezione non è completa, può diventare precoce con conseguente calo del desiderio sessuale. L’uomo che fatica a ottenere l’erezione spesso evita del tutto i rapporti sessuali per paura di insuccesso.
La frequenza di questo disturbo aumenta con l’avanzare dell’età e la metà degli uomini tra i 50 e i 60 anni ne sono colpiti; tuttavia anche uomini molto più giovani possono soffrirne spesso come conseguenza di una forte ansia da prestazione.

Tale problematica ha un impatto molto negativo sull’autostima dell’uomo in quanto maschio, con possibili ripercussioni sul benessere, umore e resa lavorativa nella vita quotidiana. Le ripercussioni possono avere un pesante impatto anche sulla vita di coppia in quanto la partner può sentirsi rifiutata o non desiderata abbastanza, con conseguente aggravamento delle tensioni.
Oltre alle cause organiche la disfunzione erettile può essere legata solo all’ansia da prestazione che, soprattutto in questo momento storico, ne è particolarmente responsabile.


Testimonianze