Ricerca per:

La dispareunia è un disturbo della sessualità che si evidenzia con la presenza di dolore genitale frequente e continuo durante o anche dopo il rapporto sessuale.
La Dispareunia può insorgere a seguito di una qualche patologia organica come infezioni/infiammazioni dei genitali, infiammazioni pelviche, cistiti, uretriti, patologie ovariche, endometriosi oppure può evidenziarsi per motivi di natura psicologica come ad esempio fobie e traumi sessuali, disfunzioni sessuali, problemi relazionali, stress psifisico.
La dispareunia è inserita tra i Disturbi Sessuali Femminili (Female Sexual Dysfunctions, FDS) e viene spesso associata al vaginismo e ad altri disturbi sessuali non coitali. C’è comunque un importante differenza tra vaginismo e dispareunia, infatti se il vaginismo rappresenta un disturbo che si manifesta generalmente prima di un rapporto sessuale e consiste nella fobia della penetrazione, nella dispareunia il dolore coincide con l’atto sessuale.
Gran parte dei clinici sono d’accordo nell’ipotizzare un’origine psicologica quando il dolore insorge all’inizio della penetrazione e invece un’origine eziologia organica quando compare più tardivamente durante il progredire della penetrazione. Il dolore potrebbe perdurare anche dopo il rapporto, addirittura sino ad alcuni giorni dopo: quando si presenta questa situazione, generalmente, si associano patologie più serie quali, ad esempio, la vestibolite vulvare ovvero l’infiammazione che interessa clitoride, ingresso vaginale ed orifizio uretrale.
Nonostante sia considerata per lo più un disturbo femminile, la dispareunia può rappresentare anche un disturbo maschile, interessando i genitali; generalmente, il disturbo maschile è provocato da fattori fisici di varia natura, quali infezioni batteriche ed irritazioni a livello genitale, ingrossamento della prostata, malattie dei testicoli o frenulo breve.
Per quanto riguarda la terapia senza dubbio la consulenza sessuologica rappresenta il trattamento risolutivo maggiormente efficace.